Buon venerdì a tutti!

Mentre il fine settimana si avvicina, noi andiamo a scoprire insieme cosa accadde il 31 maggio di qualche anno fa…

Iniziamo con il 2010 quando morì Louise Bourgeois, scultrice e artista francese. Si formò come scultrice a Parigi, per poi approdare a New York nel 1938. Dapprima surrealista, a partire dagli anni sessanta si dedica alla lavorazione del metallo. La sua popolarità aumenta con la partecipazione alla Biennale di Venezia nel 1993. Negli anni più maturi, l’artista si occupa in maniera approfondita di temi come la sessualità, la famiglia e la solitudine, celebrando il concetto di maternità con enormi sculture filigrane a forma di ragno.

Passiamo al 1740 quando Federico II Hohenzollern è incoronato Re di Prussia, dopo la morte del padre Federico Guglielmo I. Detto Federico il Grande, fu uno dei personaggi più importanti e rappresentativi del suo tempo, incarnando l’archetipo settecentesco del monarca illuminato. La complessa azione di governo del suo stato si svolse sul piano politico e militare, su quello dell’economia e dell’amministrazione statale ed anche nel campo dello sviluppo delle scienze e delle arti. Con una politica espansionistica e con una serie di guerre aggressive, caratterizzate da vittorie e sconfitte, il sovrano seppe far crescere nel corso di pochi decenni il piccolo regno prussiano da potenza di dimensioni regionali ad una delle principali potenze europee. Condottiero del suo esercito, da lui rafforzato e preparato, abile stratega e tattico, Federico fu uno dei maggiori capi militari della storia.

Concludiamo con il 1884 quando John Harvey Kellogg brevettò i primi korn flakes. Riformatore sanitario, Kellogg era convinto che la principale causa di tutte le malattie fosse la dieta a base di carne. Fu lui a sostenere e diffondere negli Stati Uniti degli anni 20 l’idea della necessità di ritornare ad una dieta “completamente naturale”. I korn flakes nelle intenzioni dell’autore doveva fornire tutti i nutrienti necessari. Kellogg era anche un sostenitore dell’idroterapia, e la sua versione di questa terapia ebbe, nei decenni tra il 1840 ed il 1870, grande successo, con circa 200 centri di cura aperti in tutti gli USA.

Siete curiosi di scoprire cosa accadrà domani? Continuate a seguirci…

photo credit: Thomas Hawk via photopin cc