Venezia sarà nuovamente sommersa dall‘acqua alta, a mezzogiorno è previsto un nuovo picco di marea che porterà allagamenti: allerta rossa dal momento che il Veneto è colpito da una forte ondata di precipitazioni e il mare non riceve più l’acqua convogliata dai fiumi scaricando tutto in laguna.

L’ultimo bollettino del Centro Maree aggiornato alle 5 di questa mattina conferma la previsione di acqua alta intorno alle 12:30, quando si raggiungerà il livello massimo di 160 centimetri: in questi casi si parla di “alta marea eccezionale” con una viabilità pedonale allagata al 77%.  Quella di questa domenica “sarà una giornata dura” per Venezia, afferma il sindaco Brugnaro.

Intanto, vista l’eccezionalità dell’acqua alta che ha colpito Venezia, Il Dipartimento della Protezione Civile ha attivato il numero solidale 45500 a sostegno della città di Venezia, attivo per almeno 30 giorni.  Come sempre nel caso degli sms solidali di raccolta fondi, attraverso i gestori telefonici che hanno aderito all’iniziativa sarà possibile donare due euro inviando un sms solidale o effettuando una chiamata da rete fissa al 45500.

Situazioni di attenzione a causa del maltempo si stanno verificando in 11 regioni italiane, oltre il Veneto colpito dai monti alla pianura passando per Venezia, criticità anche in Toscana dove l’Arno è salito sopra il primo livello di guardia a Firenze, raggiungendo i 3,50 metri sull’argine, a causa delle piogge che da sabato sera stanno interessando buona parte della Regione.

Alberi caduti per il vento a Roma. Sono stati duecento gli interventi dei vigili del fuoco nella notte in tutta Roma per allagamenti e alberi caduti a causa del temporale e del forte vento che si stanno abbattendo in queste ore sulla Capitale.