Il maltempo continua a flagellare il Veneto dove è dichiarata l’allerta rossa: le previsioni evidenziano una nuova marea per Venezia di oltre 160 cm. Mentre in città si cercava di fare la conta dei danni, la paura che nella mattinata tutto torni sott’acqua: il vento di Scirocco che continua a soffiare non aiuta.

Così peggiora la previsione di marea per stamane a Venezia. La stima di acqua alta è stata rivista al rialzo dai 150 centimetri precedenti a 160 cm sul medio mare, alle 11.20. Il centro maree del Comune ha attivato le sirene di allarme in città. Attualmente il livello di marea è di 115 centimetri, con piazza San Marco già abbondantemente allagata.

Il Sindaco Brugnaro in un tweet: “Vi invito a evitare gli spostamenti e a tenervi aggiornati sul livello dell’acqua”. Rimangono chiuse le scuole e anche i maggiori centri turistici come il Palazzo Ducale.

Non solo Venezia ma tutto il Veneto è colpito dal maltempo, sono 29 i comuni del bellunese nei quali rimarranno chiuse le scuole in previsione di un forte maltempo con possibili criticità idrogeologiche e valanghive. 

Ieri sera il Consiglio dei Ministri ha deliberato lo stato di emergenza e stanzia 20 milioni di euro, i primi fondi per gli interventi più urgenti a sostegno del capoluogo lagunare e della popolazione. Il premier Conte ha spiegato che saranno due fasi per il ristoro dei danni: “La prima ci consentirà di indennizzare i privati e gli esercenti commerciali sino ad un limite per i primi di 5mila euro e per i secondi di 20mila euro. Questi soldi potranno arrivare subito.”