Le auto blu sono aumentate di 298 unità rispetto all’anno precedente passando, dati alla mano, dalle 3.068 del 2017 alle 3.366 del 2018. Alla faccia della spending review e dei sacrifici richiesti agli italiani in questi anni. Secondo Massimiliano Dona, presidente dell’Unione nazionale consumatori, l’incremento “dipende anche dal numero maggiore di enti monitorati”: 

Non si può comunque sostenere che vi sia stata la famosa spending review.

Sanità e Comuni con più auto blu

Ad avere più auto blu sono i Comuni e il settore della sanità mentre i Ministeri avrebbero rispettato il tetto delle 5 vetture con autista, così come stabilito per decreto dal governo Renzi. Nessuno, dunque, ha trasgredito la legge.

Più auto per le università italiane

Cala il numero di auto delle amministrazioni statali mentre si registra un rialzo (+29) per le università.

Torino supera Roma per auto blu

Incredibili i dati secondo cui Torino supera Roma per numero di auto: 212 veicoli di proprietà contro i 133 della Capitale (che ne possiede 86 a noleggio senza conducente). Milano, invece, ne ha 2 su 22 totali.

C’è chi non ha auto blu

Si registrano, infine, 2mila amministrazioni che hanno dichiarato di non possedere auto blu. Sono 1.800 gli enti, invece, che hanno deciso di non partecipare a questo censimento annuale.