In occasione della Barcelona Bridal Week, la città spagnola si veste di bianco e festeggia i tre giorni più attesi dalle donne di tutto il mondo. Tre giorni di full immersion nella moda sposa (dal 6 al 9 maggio, in cui gli stilisti del settore si uniscono per presentare le nuove tendenze del 2015.

Rosa Clará ha aperto le sfilate: per la nuova collezione di abiti da sposa predominano i bordi in pizzo con motivi floreali, tocchi luminosi in pietre preziose. La stilista catalana punta su quattro linee differenti: la prima propone vestiti che cadono in maniera molto morbida con dettagli romantici, tulle trasparenti e qualche pietra preziosa. Per la seconda linea la stilista propone vestiti con gonne voluminose in mikado di seta o ottoman di seta completato da lacci ad altezza vita. La terza linea vede vestiti con volumi ricamati artigianalmente abbinati a dei motivi floreali sopra tulle trasparenti, mentre la quarta ed ultima ha delle linee molto sexy con tagli a sirena e scollature.

A mostrare le novità del 2015 anche il duo di stilisti Victorio & Lucchino. La collezione riflette un’evoluzione degli stilisti, un nuovo cammino che vogliono intraprendere nel mondo della moda sposa. Sulla passerella sfilano abiti con gonne ampie ma allo stesso tempo morbide, che donano leggerezza. Un ulteriore tocco di eleganza in una collezione già super femminile grazie all’utilizzo di organza, georgette, tulle e mikado, viene dato da scollature importanti, il tutto esclusivamente in bianco e con tocchi di pietre brillanti.

Di ispirazione boho-chic è invece la collezione 2015 portata sulle passerelle da Yolan Cris, in cui le forme geometriche si uniscono all’ispirazione della natura. Disegni dallo stile etnico e tribale vengono abbinati a tessuti in crochet di cotone, merletti e frange; i tessuti in stile romantico puntano su pizzi rebrode e fini chantilly.

La nuova collezione per il 2015 di Inmaculada García è un salto nel passato e si ispira alle prime decadi dei secoli XVIII – XIX – XX. Per lo stile del XVIII secolo di grande ispirazione sono tutti gli elementi tipici del modo di vestire nelle corti, tra corpini, gonne voluminose, pizzi e lacci, senza dimenticarsi dell’importanza delle spalle. La linea Tenderness, ispirata invece al XIX secolo, spicca per il romanticismo nei vestiti con lacci, chantilly e un misto di tulle che donano volumi importanti, con maniche corte e lunghe, andando a marcare soprattutto la vita. La terza ed ultima linea della collezione, Au Féminin, è ispirata al XX secolo ed è caratterizzata da uno stile chic con fronzoli, tulle, chantilly, lacci e pizzo.