Si può odiare oppure osannare, ma è impossibile non parlarne. Il giorno dopo aver promesso di restituire ai cittadini quanto pagato per l’Imu sulla prima casa, Silvio Berlusconi ha di nuovo catalizzato intorno a sé l’attenzione. E i toni generali della campagna elettorale stanno rapidamente degradando al loro livello normale: l’insulto e la retorica. Mario Monti, il quale ci tiene a far sapere di essere salito in politica, perché è una cosa alta, così ribatte, ai microfoni di Rtl: “Berlusconi vuole comprare i voti degli italiani con i soldi che gli italiani hanno dovuto versare per tappare i buchi di bilancio creati da chi ha governato per otto degli ultimi dieci anni. E’ un tentativo simpatico di corruzione“.

Angelino Alfano invece risponde in questo modo al Professore, durante una video chat del quotidiano La Stampa: “Monti ha sbagliato il reato e l’autore. Il reato è estorsione, quella che Monti ha compiuto nei confronti del Parlamento chiedendo la fiducia sull’Imu. E non è stata neanche tanto simpatica, come estorsione”.

Il Cavaliere (foto by InfoPhoto) non perde tempo e, alla trasmissione “L’aria che tira” di La7, replica: ” Monti ne dice tante di stupidaggini. Se in Italia c’è qualcuno che è credibile questo è il sottoscritto.  Perché dissi che avrei abolito l’Ici e l’ho abolita”.

E rilancia: “Se ci fosse la maggioranza, io penso che dovremmo fare un condono tombale (cioè sanare interamente e definitivamente le pendenze fiscali di un contribuente, ndr).  Questa idea è sempre stata avversata dalla sinistra in maniera totale. Equitalia è un rullo compressore. Sono stati messi in campo dei sistemi di violenza nei confronti dei contribuenti, si è arrivati anche al sequestro dei macchinari. Prima il clima era diverso”.

Un’ordinaria giornata di propaganda. Intanto la vicenda del Monte dei Paschi sta travolgendo il nostro mercato azionario, anche se il Wall Street Journal dice che è colpa di Berlusconi.