Incidente stradale nel casertano dove è rimasta ferita in modo gravissimo una bimba, le  analisi hanno rilevato la presenza di cocaina nel corpo dell’autista. Una bimba ucraina di otto anni è ricoverata in gravissime condizioni nell’ospedale Santobono di Napoli dopo essere stata investita da un’auto pirata a Mondragone, comune del litorale casertano, mentre camminava con i genitori. Al momento dal nosocomio fanno sapere che si trova ancora in pericolo di vita.

Da quanto accertato, la bimba era forse sul ciglio della strada quando è giunta a forte velocità l’auto del 47enne. Il mezzo ha preso in pieno la piccola sbalzata sull’asfalto. L’investitore non si è fermato, ma ha proseguito la propria corsa. L’investitore, braccato dai carabinieri che hanno ritrovato la vettura, si è poi costituito alla Stazione dei militari di Casavatore (Napoli); si tratta di un 47enne residente nel quartiere napoletano di Secondigliano, risultato positivo alla cocaina.

Poco dopo l’incidente, però, sono arrivati sul posto i parenti dell’uomo che hanno soccorso la bimba portandola nella clinica Pineta Grande di Castel Volturno. Le condizioni della piccola sono apparse subito molto gravi da procedere con il trasferimento a Napoli. Ai Carabinieri i parenti dell’uomo non hanno fornito indicazioni sull’incidente, riferendo di essere passati lì per caso e di non sapere che la piccola fosse stata investita proprio dal congiunto.