È una storia di razzismo quella di Erminia Muscolino, una biologa di Palermo alla ricerca di un lavoro che, qualche giorno fa, avrebbe ricevuto una risposta davvero sconcertante. Non credeva ai suoi occhi quando l’Istituto Tumori Cro di Aviano le ha risposto così: “Figurati se andiamo a prendere una da Palermo”. Una mail dal Friuli Venezia Giulia che l’ha lasciata senza parole, questa la sua risposta:

Sorvolo sul profilo penale che si può desumere dalle sue parole, palesemente discriminatorie per i palermitani [...] A Palermo abbiamo menti libere, non credo potrei esprimere al meglio le mie potenzialità professionali e umane collaborando con persone con la mente ristretta ed evidentemente corrotta da stupidi pregiudizi.

 “Non tenete conto della mia candidatura” ha aggiunto la giovane biologa, 30 anni, laureata in Biologia e studentessa della specializzazione in Biotecnologia medica e medicina molecolare. In realtà, stando a una prima ricostruzione dei fatti, chi ha scritto quella mail avrebbe voluto rispondere a un collega dello stesso centro di ricerca in Friuli Venezia Giulia al quale Erminia aveva mandato il curriculum. Per errore quella mail è arrivata anche a lei, sarebbe dovuta rimanere “interna”. Ecco cosa c’era scritto:

Già ricevuta anche io… Figurati se andiamo a prendere una da Palermo.