Lo storico brand Birra Messina entra nell’orbita di Heineken Italia che studia la sicilitudine per il lancio nazionale cercando di bissare il successo di Ichnusa, la birra che ha raccontato la Sardegna. Per raccontare l’Isola di Leonardo Sciascia attraverso un prodotto in grande crescita come la birra, ci si è affidati proprio al grande scrittore e a quel concetto di “sicilitudine” – reso famoso in un articolo esattamente 50 anni fa – per avere un’immagine di chi sono i siciliani oggi e cosa pensano di se stessi.

Generosi, accoglienti e ricchi d’animo: così si definiscono i siciliani e così sono percepiti dal resto degli italiani. Rivendicano con orgoglio il proprio sentirsi “diversi” dal resto della penisola ma non amano essere giudicati attraverso la lente degli stereotipi e dei luoghi comuni: questa l’estrema sintesi della ricerca commissionata da Birra Sicilia a Doxa per raccontare la sicilitudine.

La Sicilia più autentica – quella che i siciliani vedono come maggiormente rappresentativa dell’isola anche al di fuori dei confini regionali – è quella che si può apprezzare nelle feste popolari e in alcune tradizioni artigianali tipiche dell’isola (63%). Anche la famiglia ha un ruolo di spicco quando si parla di vera Sicilia: il rito del pranzo della domenica (61%) o il ritrovarsi con i parenti per fare l’olio o la passata di pomodoro (52%) rappresenta uno spaccato comune nella vita di tanti siciliani, che vedono nei legami il loro tratto distintivo.

E se si dovessero scegliere dei simboli forti che i siciliani considerano la sintesi della propria terra, ecco venire in primo piano monumenti, castelli, teatri, templi, palazzi nobiliari, tutti i segni tangibili della millenaria storia dell’isola e il vulcano simbolo della loro passionalità l’Etna. Infine on si può parlare di sicilitudine senza parlare di amore per il cibo così scopriamo che i Siciliani sono divisi tra il dolce di cannoli, cassate e granite e la grande tradizione culinaria della pasta alla Norma, arancini o arancine, panelle, la milza bollita, il pane cunzatu, la scaccia di Modica.

Questi caratteri identitari della Sicilia sono gli stessi che troviamo nella Birra Messina, che si presta a diventare una delle bandiere dell’isola in tutta Italia. La redazione di Leonardo ha potuto visitare il Birrificio Messina e scoprire come questa birra sia prodotta ancora con un metodo artigianale che ne esalta il gusto e gli aromi: una menzione, e un consiglio di assaggio, va alla nuova Birra Messina Cristalli di Sale che unisce la qualità del prodotto con l’attaccamento al territorio infatti viene utilizzato un prodotto naturale e unico alla Sicilia, il sale di Trapani, nella produzione della nuova birra.

Per chiudere, una curiosità. Due luoghi comuni, tutt’altro che negativi, si dimostrano sostanzialmente veri per i siciliani: il primo rimanda alla generosità e all’abitudine dei siciliani di essere così ospitali che quando t’invitano a cena fanno in modo che il commensale non si alzi da tavola se non ha mangiato almeno il doppio di quello che avrebbe voluto (il 73% dei siciliani almeno un po’ ci si riconosce). Il secondo, al contrario, viene sbandierato come una vera e propria virtù: il 95% dei siciliani, uomini e donne, si riconoscono in chi li giudica passionali in amore e perciò anche gelosi, sia uomini che donne.