Momenti di terrore a Bologna dove è esplosa un’autocisterna in zona Borgo Panigale: così ne è scaturito un incendio fra la tangenziale e alcune concessionarie di auto provocando 2 morti e 67 feriti di cui due in gravi condizioni. Il ponte dell’autostrada è in parte crollato. Lo scoppio sarebbe stato provocato da un incidente che ha coinvolto mezzi pesanti.

La maggior parte dei feriti, circa 55, sono stati trasferiti all’ospedale Maggiore. I vigili del fuoco sono intervenuti con gli elicotteri per domare le fiamme evitando altre vittime. Il bilancio provvisorio è di due morti e 67 feriti di cui due feriti gravi trasporti negli ospedali di Cesena e Parma che sono in grado di trattare le grandi ustioni. Tra le persone coinvolte ci sarebbero anche 11 carabinieri e 2 poliziotti della Stradale che in quel momento stavano dirigendo il traffico a seguito dell’incidente stradale: intorno alle 14, infatti, un’autocisterna ha tamponato un camion e così ne è nato l’incendio.

“L’onda d’urto è stata violentissima. Molte persone presentano infatti ferite da taglio a causa dei vetri. La deflagrazione ha squarciato le lamiere dell’autocisterna. Le fiamme si sono alzate altissime ma sono state domate abbastanza presto”, ha raccontato Giovanni Carella, coordinatore emergenze dei vigili del fuoco dell’Emilia-Romagna.

La zona in cui è avvenuto l’incidente è stata isolata; sulla corsia dell’autostrada si è formato un vasto squarcio.