Per il presidente Donald Trump il “caso Ucraina” si fa più complicato. Secondo la talpa della Cia che aveva fatto scattare l’allarme sulla telefonata tra Trump e Zelenskij, la Casa Bianca avrebbe tentato di insabbiare la registrazione della chiamata. Si tratterebbe di un segnale che metterebbe bene in chiaro come lo staff del presidente aveva compreso la gravità della chiamata. Trattasi di una notizia davvero clamorosa che è stata resa pubblica a causa dell’avvio dell’inchiesta sul possibile impeachment. Non si sa esattamente chi sia questo agente che è protetto, per legge, dall’anonimato, tuttavia, il suo documento è centrale per l’inchiesta contro il presidente americano.

Non sono mancate le reazioni da entrambe le parti a questa notizia esplosiva. Joe Biden ha sottolineato che Trump ha tentato di “rubare le elezioni”. Si ricorda, infatti, che nella telefonata, Trump avrebbe fatto pressioni sul presidente ucraino proprio per far aprire un’inchiesta su Joe Biden e su suo figlio per danneggiarlo politicamente. Biden ha buone probabilità di diventare il prossimo candidato democratico alla casa Bianca.

Dal canto suo, Trump ha ribadito ancora una volta che Zelenskij ha negato ogni pressione a commettere qualcosa di scorretto. Parole dure contro il presidente americano arrivano anche da Hillary Clinton che lo ha definito come un “chiaro pericolo” e una “minaccia” per gli Stati Uniti.

Quanto emerso complica davvero considerevolmente la situazione del presidente americano nonostante le rassicurazioni del suo staff. Il rischi di una procedura di impeachment sembra diventare ogni giorno più concreto.