Una coppia di coniugi 70enni è stata uccisa in una villetta di Palagonia, in provincia di Catania, in seguito a una rapina. Il marito è stato sgozzato mentre la moglie è stata lanciata dal balcone. La scoperta è stata fatta dalla polizia di Stato dopo controlli sul ritrovamento di un telefonino rubato. Gli investigatori stanno vagliando la posizione di un extracomunitario che era stato fermato dagli agenti al Cara di Mineo.

A scoprire i cadaveri è stata la polizia. Sul posto si era infatti recata una pattuglia dei carabinieri che ha immediatamente trovato il cadavere della donna nel cortile della villetta e, successivamente, quello del marito all’interno della casa. Sulla scena del crimine sono arrivati gli investigatori della squadra mobile della questura di Catania e del commissariato di Caltagirone per le indagini del caso. Gli agenti hanno chiesto immediatamente dei chiarimenti ma, senza ottenere risposta, sono scattati i controlli su un cellulare e gli investigatori sono risaliti al proprietario e al suo indirizzo al duplice omicidio avvenuto nella casa in provincia di Catania.

L’inchiesta per il duplice omicidio dei coniugi di Catania, coordinata dal procuratore di Caltagirone Giuseppe Verzera, vede per il momento come unico accusato l’extracomunitario originario della Costa d’Avorio che stava passando i controlli per rientrare al Centro di Mineo ma è stato bloccato dalla polizia. Nel borsone che l’uomo aveva con sé sono stati ritrovati telefonini, un computer portatile e una telecamera.