“Ormai è tutto finito, ho 64 anni, sono malato e sono cambiato”, sono queste le parole che Cesare Battisti avrebbe detto al direttore del carcere di Oristano, dove attualmente è detenuto. A rivelarlo è l’ex deputato sardo Mauro Pili su Facebook secondo cui l’ex terrorista avrebbe incontrato anche il cappellano del carcere. “Non mi dichiaro innocente ma nemmeno mi accollo tutto ciò di cui mi accusano” avrebbe aggiunto Battisti.

L’ex parlamentare, poi, ha criticato la decisione di portare Battisti nel carcere di Oristano:

Ha carenze di personale, il carico criminale è insopportabile per via di centinaia di capomafia e capi clan. Battisti deve essere portato altrove in carceri di massima sicurezza, considerato che quello di Oristano nasce come carcere ordinario.

A parlare, adesso, sono anche i poliziotti che, con grande spirito di servizio, non badando a feste e orari, hanno catturato Battisti in Bolivia:

Quando ha capito che c’era la polizia italiana, Battisti si è accasciato sulla sedia e aveva capito che per lui era finito un lungo periodo di latitanza. Durante il viaggio era tranquillo e rassegnato, ha dormito e ricevuto abiti idonei alla differenza di temperatura che avrebbe trovato in Italia.

Soddisfati anche il Premier Conte e i Ministri Salvini e Bonafede.