Sfiorata battaglia aerea nel cieli della Corea del Sud: i caccia hanno sparato alcuni colpi di avvertimento a un jet russo che ha violato lo spazio aereo aereo di Seoul. Lo sconfinamento russo si è ripetuto una seconda volta costringendo a un nuovo intervento i caccia coreani e apprendo un pericoloso fronte tra le tensioni internazionali.

L’attacco al jet russo è stato reso noto il ministero della Difesa sudcoreano. Nella giornata di ieri infatti tre caccia russi sono entrati nella cosiddetta zona di identificazione della difesa aerea sudcoreana davanti alla costa orientale del Paese e uno di questi ha poi violato lo spazio aereo della Corea del Sud.

L’aereo russo A-50 è entrato nello spazio aere della Corea del Sud, gli aerei da caccia F-15F e KF-16 hanno sparato 80 colpi di avvertimento durante la prima violazione e altri 280 durante la seconda. L’incidente è avvenuto vicino alle isole Dokdo, rivendicate con il nome Takeshima da Tokyo, che accusa la Corea del Sud di occuparle illegalmente. Questo attacco al veivolo russo fa tremare la diplomazia internazionale e apre nuovi scenari e equilibri.