È lo stesso Fabrizio Corona a raccontare su Instagram – dove ha postato anche una foto – cosa gli è accaduto lunedì sera a Milano mentre stava registrando un reportage sullo spaccio:

Stasera mi sono recato al Bosco di Rogoredo, patria nazionale dello spaccio italiano, dove anche la polizia si rifiuta di entrare. Mentre le uniche inchieste realizzate sono state fatte di giorno da giornalisti accompagnati da polizia di scorta a circondare la zona, io mi sono recato lì solo con un operatore e un fonico per raccontare il parallelismo della mia tossicodipendenza e quella che colpisce l’Italia e la povera gente che vede uno stato inerme e una polizia disinteressata. Tutto questo solo per raccontare in maniera oggettiva, come ho sempre fatto, la realtà. Ora, in questo momento ringrazio Dio per aver protetto mio figlio Carlos Maria.

Una serata da dimenticare per Fabrizio Corona che ha corso un grande rischio non essendo supportato da forze dell’ordine allertate ed eventualmente pronte ad intervenire per difenderlo in uno dei quartieri dei Milano dove si spaccia a cielo aperto e a tutte le ore. Non è chiaro ancora dove avrebbe dovuto pubblicare il reportage l’ex re dei paparazzi.

Ecco il post pubblicato su Instagram: