Se tra il 13 e il 18 aprile non avete di meglio da fare in quel di Roma, potreste sempre approfondire la vostra conoscenza del Maligno. E’ in programma per quei giorni, infatti, la decima edizione del corso di esorcismo, organizzato presso l’Università Europea di Roma dei Legionari di Cristo dall’Istituto Sacerdos, in collaborazione con il Gruppo di ricerca e informazione socioreligiosa di Bologna (Gris) e con l’imprescindibile benedizione della Santa Sede.

Il ciclo di incontri dall’evocativo titolo “Esorcismo e preghiera di liberazione” verrà animato dall’intervento non soltanto di chi con gli esorcismi e tutti gli accessori vari ci campa direttamente, ovvero vescovi, cardinali e sacerdoti: è prevista anche la partecipazione di psichiatri e del sostituto procuratore di Roma Michele Nardi, che illustrerà la complicata relazione tra riti esorcistici e leggi dello stato. Assente, invece, il veterano dei cacciatori di demoni italiani, padre Gabriele Amorth (se per caso vi mancasse la sua vivacità alla Jorge de Burgos, potete sempre cercarlo su Facebook, dov’è sempre attivo).

Secondo Pedro Barrajon, direttore dell’Istituto Sacerdos, “l’azione diabolica è favorita dalle pratiche magiche e dal ricorso agli indovini“, ed ecco perché il corso non ha finalità semplicemente divulgative, ma è inteso soprattutto per aiutare a combattere “i pericoli derivati dalla magia, dall’occultismo, dal satanismo e dal nichilismo“, tanto per buttare nello stesso calderone il diavolo e il non credente. Naturalmente, non mancheranno gli aspetti più tecnici: per esempio, come distinguere l’azione di un angelo e di un demone, di questi tempi ci si confonde, o come praticare un esorcismo.

Sarà il rettore padre Jesus Villagrasa ad aprire il corso, quindi seguiranno la presentazione dei lavori di padre Barrajon, una intro a cura del cardinale Mauro Piacenza e la lectio magistralis di monsignor Luigi Negri, arcivescovo di Ferrara e Comacchio. Interverranno, nei giorni successivi, il direttore del Gris Giuseppe Ferrari, monsignor Davide Salvatori, prelato uditore della Rota Romana, il teologo esegeta e storico monsignor Helmut Moll, don Aldo Buonaiuto, responsabile del servizio antisette della Comunità Papa Giovanni XXIII, Anna Maria Giannini, docente di Psicologia generale alla Sapienza di Roma, Enrico De Simone, vicario del questore di Ancona. Al termine del corso si terrà una tavola rotonda con esorcisti da ogni parte del globo terracqueo.