Non c’è pace per le famiglie degli ultimi due dispersi nel naufragio della Costa Concordia. I resti umani ritrovati nel relitto l’8 ottobre, inzialmente attribuiti possibilmente a Russel Rebello, ora potrebbero invece essere quelli di Maria Grazia Trecarichi.

L’analisi del Dna è ancora in corso. Notizie di agenzia citano fonti investigative. Si suppone che si tratti della Trecarichi perché, a quanto si apprende, sul cadavere rinvenuto nel ponte 3 della Concordia c’erano parti di reggiseno e calzature femminili. Elio Vincenzi, marito di Maria Grazia Trecarichi, ha dichiarato all’Ansa: “E’ una sorpresa, ma non voglio ancora pensare che sia lei. In passato abbiamo avuto speranza quando si è parlato di ossa, ora questa novità. Ma aspetto di avere la certezza“.

E’ intanto giunta notizia che la compagnia Costa crociere ha firmato un contratto con la Dockwise per assicurarsi la disponibilità della Vanguard, il più grande natante semi-sommergibile del mondo, come probabile mezzo per trasportare la Concordia (foto by InfoPhoto) nel luogo in cui verrà definitivamente demolita.