Da oggi la Croazia fa parte dell’Unione europea. Da mezzanotte infatti lo Stato balcanico è diventato il 28° paese membro. Ci sono voluti dieci anni di trattative e pesanti riforme.

A Zagabria si è tenuta ieri una grande festa, alla quale hanno partecipato le massime autorità dell’Ue, oltre a Giorgio Napolitano ed Emma Bonino.

Tuttavia l’avventura croata in Europa rischia di non partire col piede giusto. Infatti, data la recessione generale, accompagnata da un alto tasso di disoccupazione, la spesa pubblica è sempre troppo alta, oltre al deficit. La Croazia rischia quindi subito una procedura d’infrazione per deficit eccessivo.

Il presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, ha tuttavia lanciato un messaggio ottimistico al nuovo membro dell’Unione (foto by InfoPhoto): “Congratulazioni, Croazia! Da domani i vostri rappresentanti siederanno fianco a fianco con gli altri stati membri, e prenderanno insieme decisioni a beneficio di tutti i cittadini dell’Unione, da Zagabria a Saragozza, da Spalato a Stoccolma”.