Il maltempo causa il crollo di un viadotto sull’A6 fortunatamente senza feriti mentre un’auto riesce ad evitare la voragine apertasi sull’A21. Una domenica tragica per le autostrade italiane con due eventi che potevano procurare feriti o morti.

Il primo crollo è avvenuto nel tardo pomeriggio di domenica con una frana che ha travolto il viadotto della Madonna del Monte sull’A6 Savona-Torino distruggendo il viadotto. Un uomo ha sentito il boato ed è riuscito a evitare la strage come lui stesso racconta all’Agenzia Ansa Daniele Cassol vigilante 56enne, si trovava su quel tratto dell’A6 nel momento esatto del crollo: “Ero in fase di sorpasso, ho visto una persona che sbracciava e ho pensato avesse qualche malore Poi mi sono voltato e ho visto tutto nero, il viadotto non c’era più. Non so come ho fatto a fermarmi, sono salvo per miracolo”. L’uomo è immediatamente uscito dal mezzo e si è messo a bloccare gli altri automobilisti.

In serata invece una voragine di una decina di metri invece si è aperta sull’autostrada A21 Torino-Piacenza, tra Asti e Villanova a causa dell’importante quantità di acqua caduta negli ultimi giorni. Un’auto in transito in quel momento è riuscita ad evitarla per un soffio, evitando una strage.

Si preannuncia un lunedì difficile per chi si deve mettere in viaggio sulle autostrade del Piemonte. La protezione civile invita alla massima prudenza, con il nodo di Torino che potrebbe essere particolarmente congestionato, per l’interruzione di tutte le autostrade, ad eccezione della Torino-Milano.  La A6 Torino-Savona è interrotta nelle due direzioni tra Savona e Altare verso Nord e tra Millesimo e Savona verso Sud, in seguito al crollo del viadotto. La A5 Torino-Aosta e’ interrotta tra Ivrea e Pont St. Martin, con transito dei soli veicoli leggeri su viabilità alternativa; i mezzi pesanti provenienti da Francia, Svizzera e Piemonte sono deviati verso il tunnel del Frejus, fino a nuove disposizioni. La A21 Torino-Piacenza, infine, e’ interrotta in entrambi i sensi di marcia tra i caselli di Asti Ovest e Villanova d’Asti.

Intanto a Pavia, a causa del maltempo, esonda il Ticino. Durante la scorsa notte il Ticino è esondato nel rione del Borgo Basso, a Pavia: l’acqua è salita per alcuni centimetri in via Milazzo, la strada che si affaccia sul fiume.

Il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, commentando i danni che le forti piogge di questi giorni hanno causato sul territorio italiano dice: “La messa in sicurezza del territorio non può più aspettare. Lo dobbiamo alle vittime delle tragedie causate negli ultimi anni dagli effetti del dissesto idrogeologico, a chi ha perso la casa. E’il momento di aprire i mille cantieri per la messa in sicurezza del territorio, il Parlamento approvi in fretta il piano”.

Crolla un viadotto sull’A6, sull’A21 auto evita voragine: video e foto dei soccorsi