“Magari morisse, li mortacci tua”, questa la frase shock che avrebbe pronunciato uno dei cinque carabinieri imputati parlando di Stefano Cucchi, il giorno dopo l’arresto. È emerso dagli atti che il pm ha depositato durante l’udienza e che vengono riportati da Repubblica.

Dalle carte emerge che ci sarebbe stata anche una riunione “tipo gli alcolisti anonimi” al comando provinciale di Roma a cui presero parte i carabinieri poi coinvolti nella morte del geometra romano. Lo dice il comandante della stazione dei carabinieri di Tor Sapienza parlando al telefono col fratello:

Il 30 ottobre, la mattina ero di pattuglia con Colicchio. Soligo mi chiama, mi chiede: ‘Fammi subito un appunto perché poi dobbiamo andare al Comando provinciale perché siamo stati tutti convocati, ‘cioè quelli dall’arresto di Cucchi a chi lo aveva tenuto in camera di sicurezza. Tu che sei il comandante della stazione, anche se non hai fatto nulla, il comandante della compagnia Casilina, il maggiore Soligo, comandante di Montesacro, il comandante del Gruppo Roma, stavamo tutti quanti. Ci hanno convocato perché all’epoca il generale Tomasone, che era il comandante provinciale, voleva sentire tutti quanti. Abbiamo fatto tipo, hai visto ‘gli alcolisti anonimi’ che si riuniscono intorno ad un tavolo e ognuno racconta la sua esperienza, così abbiamo fatto noi quel giorno dove però io non ho preso parola perché non avevo fatto nessun atto e non avevo fatto nulla.

Ecco il commento dell’avvocato della famiglia Cucchi a Radio 24:

Siamo basiti, scioccati, non sappiamo più cosa pensare. Quello che ci fa veramente molto male e arrabbiare è che da quest’inchiesta emergono fatti e comportamenti esecrabili, indegni per appartenenti all’Arma dei Carabinieri, di cui si sono rese responsabili persone che non erano coinvolte nell’arresto di Stefano Cucchi né direttamente coinvolte nella sua morte. Io e Ilaria abbiamo preso atto che per i Carabinieri i problemi sono Casamassima, Rosati e Tedesco, noi abbiamo fiducia nell’Arma dei Carabinieri, ma qui emerge un quadro desolante ed esiste un grave problema da risolvere.