L’Italia mantiene la presidenza del Parlamento Europeo. Ad Antonio Tajani succede David Sassoli, eletto a fine mattinata dall’assemblea di Strasburgo alla seconda votazione con 345 voti. Il giornalista è un volto noto della Rai, cominciò proprio al Tg3 prima di passare al Tg1.

L’elezione di David Sassoli, elettro all’eurocamera, tra le fila del Partito Democratico permette all’Italia di mantenere la presidenza del Parlamento. Sassoli alla sua seconda volta come eurodeputato, dopo una lunga carriera da giornalista italiano, avrà l’onore di sedere nella poltrona più prestigiosa di Strasburgo. Solo il Pd, tra i partiti italiani, ha votato David Sassoli alla presidenza del Parlamento europeo. Forza Italia, a quanto si apprende, si è astenuta. La Lega e Fdi hanno votato per Jan Zahradil (Conservatori Ecr). Il Movimento 5 Stelle ha invece lasciato libertà di coscienza.

Sassoli su Facebook ha annunciato la sua presidenza prendendo in prestito una frase di Aldo Moro e scrivendo:

Si tratta – diceva Aldo Moro -  di vivere il tempo che ci è stato dato con tutte le sue difficoltà.Si tratta, però, anche di essere coraggiosi e fiduciosi.Proprio in questo senso accolgo con fiducia e con coraggio la mia elezione a Presidente del Parlamento europeo. Grazie!

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha immediatamente inviato il suo messaggio di auguri al nuovo Presidente del Parlamento Europeo:

“L’alta responsabilità che le è stata affidata dai parlamentari dei Paesi dell’Unione rappresenta una testimonianza dell’ampia fiducia riposta nella sua persona e un riconoscimento al suo costante e proficuo impegno nelle istituzioni europee. A nome degli italiani tutti e mio personale desidero porgerle le più vive congratulazioni per la sua elezione alla presidenza del Parlamento europeo e sentiti auguri di pieno successo nello svolgimento del suo importantissimo incarico”

Sassoli nel suo discorso di insediamento ha ricordato che gli europei sono quegli uomini e quelle donne che hanno superato il nazionalismo per creare una comunità più ampia e globale, mantenendo inalterato l’amore per il proprio Paese.