Alessandro Di Battista, in una diretta Facebook, ha spiegato che il padre, titolare di una piccola ditta, avrebbe avuto un lavoratore in nero. Fatto che il grillino avrebbe scoperto da pochissimo tempo. Ecco le parole di Di Battista:

Questa mattina mi ha chiamato mio padre e mi ha detto che è stato avvicinato da Le Iene in merito ad una piccola azienda di famiglia. Gli hanno chiesto se c’è un lavoratore in nero e lui ha risposto di si. È una cosa che mi ha detto mio padre qualche giorno fa. Mi sono incazzato, in primis perché è una cosa profondamente sbagliata. Mi sono arrabbiato a morte, perché non si fa e perché a noi fanno le pulci su tutto. Specialmente ora che sto tornando a dare una mano al M5S, e sto portando avanti certi temi come il “no” alla Tav.

Un fatto simile era accaduto al Ministro del Lavoro Luigi Di Maio. Di Battista, dunque, che si è arrabbiato molto una volta scoperta la notizia che in ditta ci sarebbe stato un lavoratore in nero, ha aggiunto:

Lui mi ha spiegato che questa persona ogni tanto viene a dare ad una mano, e che la cosa è dovuta ad una fase difficile dell’azienda. Comprendo, ma non lo giustifico. La prima e l’ultima cosa che voglio fare e dare una mano perché questa persona venga regolarizzata.