Ha 44 anni il disabile, affetto da sordomutismo, picchiato selvaggiamente per aver reclamato un suo diritto, quello di parcheggiare nello stallo riservato alle persone diversamente abili a Paternò (Catania). Un fatto che è accaduto l’1 dicembre scorso e che ieri ha portato all’arresto di due soggetti, ora accusati di lesioni personali aggravate.

La vittima, infatti, dopo avere atteso per oltre 15 minuti, era riuscito finalmente a parcheggiare la macchina quando, avvicinato al finestrino dalle due persone che avevano occupato il posto, ha espresso loro il proprio disappunto provocando negli interlocutori una reazione violenta. Oltre a minacciarlo e ad impedirgli di scendere dall’auto sbattendogli più volte contro la portiera, uno degli aggressori, appena lo ha visto fuori dall’auto, vi si è scagliato contro colpendolo al volto con un pugno. Poi – come dimostra un video diffuso dai militari – il disabile è stato picchiato selvaggiamente con schiaffi, pugni e calci fino a lasciarlo a terra sanguinante.

Al disabile, trasportato in ambulanza all’Ospedale “Santissimo Salvatore”di Paternò, è stata diagnosticata “una ferita lacerocontusa alla regione sopraciliare nonché una frattura pluriframmentaria scomposta delle ossa proprie del naso”, lesioni giudicate guaribili in 45 giorni.

Poteva andare peggio: il disabile ha rischiato di rimetterci la pelle… solo per un posto auto.