Una donna di 88 anni  è morta per dissanguamento nel giro di pochissimi minuti forse dopo essere stata graffiata alle gambe dal gatto della sua vicina di casa. A ritrovare il suo corpo è stata un’amica che ha fatto la macabra scoperta nel cortile della sua casa a Vada (Livorno). Come ricostruisce il “Tirreno”, l’amica si sarebbe insospettita quando la 88enne non avrebbe risposto al suo saluto. Così si sarebbe avvicinata e, una volta avvistato il suo corpo, avrebbe immediatamente chiamato i soccorsi. Per lei, però, non c’era più niente da fare.

La donna, tra l’altro, avrebbe fatto assunzione di fluidificanti del sangue: dopo il graffio del gatto della vicina di casa, questi farmaci potrebbero essere stati fatali poiché le avrebbero impedito la coagulazione del sangue che, dunque, sarebbe fuoriuscita fino al decesso. Non ha avuto nemmeno il tempo di chiedere aiuto a un vicino di casa o di chiamare i soccorsi. È deceduta subito, o almeno così sembra.

A graffiare la donna – stando alle prime notizie trapelate – potrebbe essere stato il gatto dell’inquilina che viveva al piano terra del suo palazzo. Le due erano amiche e, quando non era in casa, la vicina le chiedeva di occuparsi dell’animale.

Adesso il paese è sotto shock.