Una donna di 55 anni muore dopo quattro giorni di ricovero all’ospedale Sant’Anna e Santissima Maria della Neve di Boscotrecase, siamo nella provincia di Napoli. Un decesso che nessuno poteva mai aspettarsi, che ha lasciato di stucco i suoi parenti i quali, in un momento di rabbia, hanno assaltato il reparto di medicina d’urgenza del nosocomio picchiando – come riportato in una prima ricostruzione – medici e infermieri. Poi avrebbero persino danneggiato suppellettili e macchinari: il loro obiettivo era quello di vendicare la morte della congiunta.

Solo grazie all’intervento dei Carabinieri non solo si è evitato il peggio ma è stato possibile anche riportare l’ordine e, ovviamente, identificare gli autori di questi danneggiamenti. I parenti, dunque, avrebbero scaricato la loro rabbia sui sanitari dell’ospedale, ritenendoli evidentemente causa della morte dalla 55enne, che era stata ricoverata per quattro giorni in quel nosocomio. Un raid che sarebbe potuto finire in tragedia visto il numero di persone che si sarebbero presentate in reparto, circa una decina.

I parenti della donna, intanto, hanno sporto denuncia in Procura che sul caso ha già aperto un’inchiesta. La salma, infatti, è stata sequestrata e trasferita all’obitorio di Castellammare di Stabia così da poter eseguire l’autopsia disposta dai magistrati e far luce sulla morte della 55enne.