Ennesimo delitto sanguinoso nel napoletano: due uomini sono stati uccisi a colpi d’arma da fuoco in un agguato nel quartiere di Secondigliano. L’episodio si è verificato nella serata di sabato 20 aprile. I militari dell’Arma dei carabinieri (foto by InfoPhoto) hanno ricevuto una segnalazione relativa alla presenza di due corpi privi di vita all’interno del circolo Zanardelli in via Montenero.

Arrivati sul posto, gli investigatori hanno appurato che si trattava appunto di un duplice omicidio. Le vittime sono Emanuele Di Gennaro, 20 anni, residente a Qualiano, e Ciro Milone, 34 anni. Stando alle prime ricostruzioni le due vittime erano all’interno del circolo, in attesa che si liberasse un tavolo da biliardo, quando due sicari a volto coperto sono entrati nel locale affollato e hanno aperto il fuoco ferendoli a morte.

La sanguinosa azione potrebbe rientrare nell’ambito della faida di Scampia che da tempo insanguina il quartiere e sarebbe da ricondurre a uno scontro tra vecchi capi e nuove leve della camorra: Di Gennaro era stato arrestato lo scorso anno per favoreggiamento perché in compagnia di Felice Leonardi, latitante e figlio del boss Antonio, coinvolti nella faida per la loro alleanza con il clan della Vanella Grassi. Il circolo ricreativo si trova vicino tra l’altro vicino a via Cupa dell’Arco, storica abitazione del boss Paolo Di Lauro, detto anche Ciruzzo ‘o milionario, condannato a 29 anni di carcere.

LEGGI ANCHE

Agguato Scampia: omicidio di camorra davanti a scuola

Balotelli spacciatore a Scampia: lo rivela un pentito della Camorra

Camorra: dalla villa di Apicella nasce Casa Lorena

Arresti Camorra: in carcere 90 persone, sequestrati beni