Un fulmine a ciel sereno, ma nemmeno più di tanto. L’ammissione arriva direttamente dal Premier uscente Mario Monti, ma non è che abbia scoperto l’acqua calda: i casi Monte dei Paschi di Siena, Finmeccanica e chi più ne ha più ne metta fanno capire come, oggi, per poter esercitare ad alti livelli le tangenti sembrino all’ordine del giorno. E le parole di Monti lo confermano.

Monti ha ribadito: “Sì, è tornata Tangentopoli. E io ho ereditato il governo da cialtroni”. Ad Agorà su Rai 3 Monti prosegue: “L’evidenza è molto simile ma la speranza è minore. Nel ’92-93 c’era quella che veniva percepita come un’azione liberatoria: si pensava che l’azione della magistratura e la coscienza dei cittadini avrebbero portato alla fine del fenomeno. Invece l’azione della magistratura è andata avanti, la coscienza degli italiani e soprattutto politici si è molto seduta e siamo qui di nuovo”.

Parole pesanti, più che altro perché arrivano da un candidato alle prossime elezioni: “Dopo tanti anni di governo Berlusconi non c’è una legge anti-corruzione – prosegue Monti – l’Italia è un paese importante, è un paese del G8, e certo può anche cadere nel ridicolo come è accaduto per l’atteggiamento ridicolo tenuto da qualcuno in passato”.

Su una possibile alleanza con il Pd precisa: “Non abbiamo avuto nessun dialogo né con la destra né con la sinistra al momento, andiamo avanti con le nostre proposte. Poi vedremo. Con Sel e Pd minori rischi di fiamme finanziarie, ma resistenze sulla diminuzione spesa pubblica. Per poter fare compagine comune il centrosinistra. Se Silvio Berlusconi è pronto a cedere il passo ad Angelino Alfano la redenzione è possibile per tutti. Se ci fosse anche soltanto una parvenza di tentativo di rispetto una delle promesse fatte prevedo seri problemi per i tassi di interesse e scarsa ulteriore strada per le riforme per la crescita. Sono molto più ferito quando dei cialtroni dicono di aver lasciato l’Italia in buone condizioni nel 2011 e che io l’avrei portata sul baratro, che non inorgoglito quando ricevo i complimenti di Obama”.