Il sabato del Festival del Giornalismo prevede una grande ressa, essendo l’ultimo giorno fitto di incontri; domenica si conclude il festival, ma sono previsti meno eventi.
Prima di buttarmi nella mischia, ho intervistato Angelo Centini, noto su Twitter come @100tek, un professionista molto esperto di online & digital marketing. Laureato in statistica, ha lavorato per varie società, e infine si è dato alla libera professione. In questi giorni è qui come coordinatore del team di volontari assegnati dal Festival per il progetto di monitoraggio in tempo reale delle conversazioni Twitter intorno al Festival.
È grazie a lui se nel post di ieri ho potuto linkare la mappa delle conversazioni Twitter.

Un ottimo curriculum, diversi lavori, e poi la libera professione. È stata una scelta rischiosa o ben ponderata?
Un po’ folle, forse, ma ho preferito scegliere le maggiori opportunità contro la stabilità del lavoro dipendente. Da libero professionista lavoro molto meglio, gli orari d’ufficio non fanno per me, e poi essendo un consulente esterno e indipendente posso anche essere più aperto, e magari dire al cliente “guarda, questa roba per me non funziona”, e lo dico a mio nome mettendoci la faccia, cosa che magari non potrei fare per conto di un azienda.

Tu sei un esperto di content curation. Ti va di spiegare ai non addetti ai lavori di cosa si tratta?
Nei social avvengono migliaia di conversazioni veicolate in poche ore, ed è sempre utile comprendere quello che accade senza farsi sopraffare dalla mole di informazioni, filtrando la quantità con strumenti di analisi e di selezione, in base a parametri di qualità.
Si tratta di riuscire a valorizzare questi contenuti generati spontaneamente, e come un regista fare un ‘montaggio’ dei momenti brillanti di un evento o di un qualunque fenomeno che genera conversazioni, creando così un nuovo contenuto assolutamente nuovo, che prima non esisteva.
In secondo luogo bisogna dare a queste informazioni anche un senso narrativo secondo parametri obiettivi, il tutto senza stravolgere il dato reale, i messaggi vincenti, ecc.

La mappa delle conversazioni che mi hai mostrato è parte di una piattaforma di monitoraggio giornaliero sull’attività Twitter relativa al Festival del Giornalismo. Come è stata realizzata?
In collaborazione con Buzzdetector (partner tecnico del festival) e con la società australiana Trendsmap, abbiamo realizzato questa dashboard che riunisce in una schermata diverse insight e statistiche di un dato fenomeno, fotografando la geografia dell’evento, le personalità o i brand che emergono con maggiore rilevanza, i contenuti multimediali più importanti, i più popolari, e le selezioni effettuate dal team in base a criteri qualitativi e di interesse del pubblico.
Il design della piattaforma ovviamente deve rispondere a esigenze informative di sintesi, e dare in pochi secondi un colpo d’occhio efficace, una visione d’insieme più esaustiva possibile del fenomeno in esame. Food for thought, come dicono gli americani.
http://buzzdetecting.festivaldelgiornalismo.com/

http://www.angelocentini.com/

https://twitter.com/100tek