Un pensionato ha ucciso i due figli e poi si è tolto la vita.  Il dramma è avvenuto a Esperia, in provincia di Frosinone, dove un uomo ha ucciso a colpi di arma da fuoco i figli Mariano e Isabella di 26 e 18 anni, prima di suicidarsi. L’ex ferroviere pare che abbia atteso che la moglie uscisse per andare alla posta e poco dopo le 7.30 ha ucciso i figli che stavano ancora a letto.

Appena sentiti  i colpi d’arma da fuoco, la donna ha fatto subito rientro a casa ma ha trovato i tre corpi senza vita. La figlia Isabella aveva appena conseguito il diploma mentre il fratello Mariano viveva e lavorava a Roma come chimico, era tornato alla casa di famiglia per le vacanze estive.  Secondo le prime indagini, in famiglia non c’era stato alcun dissapore ma pare che l’uomo non avesse accettato una malattia a reni che era stata diagnosticata alla figlia.

La tragedia, secondo quanto si è appreso, è avvenuta in casa intorno alle 7.30 di stamani e sul posto sono intervenuti i Carabinieri di Frosinone. Le indagini proveranno a far luce sulla vicenda tragica che ha portato all’uccisione di tre dei quattro membri di una famiglia che pareva non avesse difficoltà.