E adesso Beppe Grillo “apre” a Pier Luigi Bersani. A modo suo, s’intende. Dopo la diffusione del nome di Milena Gabanelli come risultato delle “quirinarie” del Movimento 5 Stelle, per l’elezione del Presidente della Repubblica, in un videomessaggio trasmesso dalla web tv Grillo ha detto: “Volevo dare un consiglio a Bersani, senza ironie, senza battute. Seriamente: voti la Gabanelli anche lui. Potrebbe essere un punto d’incontro. Provi. E cominciamo da lì. Poi vedremo: rimborsi elettorali, legge anticorruzione, incandidabilità di Berlusconi. Magari troveremo una convergenza”.

In un comizio in provincia di Pordenone, per le elezioni regionali friulane, Grillo (foto by InfoPhoto) ha aggiunto che se la Gabanelli non dovesse accettare, si potrebbe convergere sul nome di Stefano Rodotà. Però, per non smentirsi, ha detto anche: “Vengono lì e fanno uno scempio. Vengono con il loro accento emiliano-romagnolo e ci dicono perché non facciamo questo insieme. Hanno cercato di comprare i nostri senatori”. Bersani non ha ancora rilasciato dichiarazioni in merito, intanto oggi pomeriggio ha incontrato Anna Finocchiaro.