Una vacanza a Venezia finita in tragedia per una famiglia tedesca. Lo scontro tra un vaporetto in manovra e una gondola in Canal Grande a Venezia, all’altezza del ponte di Rialto ha lasciato senza vita il padre che ha fatto da scudo per salvare la figlia, rimasta ferita alla faccia ma già dimessa dall’ospedale di Padova. La procura di Venezia ha aperto un’inchiesta
Un vaporetto del trasporto pubblico ha travolto la gondola su cui viaggiava la famiglia tedesca di cinque persone, genitori e tre figli: nell’urto sono tutti finiti in acqua. Il padre, professore cinquantenne, e una bimba di tre anni sono stati soccorsi immediatamente dai sommozzatori dei vigili del fuoco.

Nonostante i tentativi di rianimazione, poco dopo è morto in ospedale. Illesi gli altri tre occupanti della gondola. La bimba con un trauma cranico.

L’incidente, fra il vaporetto in manovra di avvicinamento al pontile e la piccola gondola è avvenuto verso le 11.30 nella zona più trafficata del Canal Grande, il Rialto.

Il continuo viavai di gondole, taxi e altri mezzi, il pilota del vaporetto ha effettuato una manovra per evitare di urtare le altre imbarcazioni che gli ha fatto perdere il controllo del mezzo, è al centro delle polemiche.

“Abbiamo denunciato più volte questa situazione, c’è troppo traffico e i mezzi vanno troppo veloci ma nessuno ci ascolta” si sfoga Aldo Reato, il presidente dei ‘bancali’, la rappresentanza sindacale dei gondolieri A Rialto ci sono solo due pontili dei vaporetti come 30 anni fa, quando c’erano solo tre linee di navigazione, ma ora sono tante. E’ giusto che in quel punto passino solo le linee Actv indispensabili, non può passare un vaporetto ogni minuto”.

Nell’inchiesta immediatamente aperta saranno valutate le numerose immagini e testimonianze per l’indagine.