UPDATE: è stata avviata un’indagine per omicidio colposo plurimo.

L’incidente è accaduto sulla A16 Napoli-Canosa, tra Monteforte Irpino e Baiano. L’autobus di ritorno verso Napoli da una tre giorni di pellegrinaggio nel beneventano, ha travolto diverse auto incolonnate, prima di precipitare da circa 30 metri. Tra i passeggeri molti bambini. Tutti i 48 passeggeri in gravissime condizioni, il bilancio dell’incidente, al momento, è di almeno 36 morti e 11 feriti.

L’incidente è avvenuto intorno alle 20.30, immediati i soccorsi di vigili del fuoco e polstrada il cui lavoro tra le lamiere del pullman si è rivelato molto complicato per la mancanza di luce, dal guardrail di cemento in bilico sui soccorritori e del luogo di caduta del mezzo.

“La situazione è critica” ha detto il caposquadra dei vigili del fuoco Pellegrino Iandolo, “i nostri uomini stanno lavorando per salvare quante più vite possibile mentre su di loro incombe la minaccia di questi pezzi di cemento che, in bilico sul viadotto, potrebbero precipitare su di loro. Altro personale sta lavorando per mettere in sicurezza il guardrail pericolante”.

Al momento sono 38 i corpi recuperati dalle lamiere: 33 sono stati trovati dentro il pullman, 5 sotto la carcassa del bus. Si teme però che altre vittime possano trovarsi ancora schiacciate sotto il pullman. “All’appello manca un solo passeggero e contiamo di trovarlo prima possibile, anche se speriamo che ci dicano che non era a bordo del mezzo”, ha detto intorno alle 5 del mattino il comandante provinciale dei Vigili del fuoco di Avellino, Alessio Barbarulo.

Intanto le bare con le vittime dell’incidente sono state portate nella palestra comunale di Monteforte Irpino (Avellino), dove all’alba sono arrivati i primi parenti.

Prima di precipitare nella scarpata per oltre trenta metri, il mezzo ha tamponato numerose auto che erano incolonnate, dopo aver sbandato ha rotto il guardrail ed è uscito di strada in corrispondenza di un viadotto.

La polizia stradale ha ascoltato nella notte le persone che erano nella zona al momento della tragedia. Tra le ipotesi potrebbe essere stato un guasto tecnico ai freni o l’esplosione di un pneumatico a causare l’incidente. E’ quanto si apprende da fonti della questura di Avellino che fanno sapere che fra le prime ipotesi formulate dopo i primi accertamenti c’è anche quella che i freni non abbiano tenuto mentre l’autobus percorreva una curva, invece gli occupanti di un’auto che viaggiava dietro al pullman hanno riferito di un’esplosione del pneumatico posteriore sinistro, con il cerchione che si è poi staccato dall’asse. A quel punto il pullman è diventato ingovernabile.

Qui sotto una gallery (foto by InfoPhoto) e un video sulla tragedia.