Escono i nuovi iPhone e le femministe inglesi si scagliano contro Apple poiché i telefoni più usati e amati del mondo sarebbero troppo grandi per le mani delle donne. A riferirlo è il Telegraph secondo cui ci sarebbe stata una dura reazione alla notizia che la società di Cupertino “interromperà la produzione di iPhone SE, dotati di uno schermo più piccolo”.

Caroline Criado Perez, nota attivista inglese, ha confessato di aver sviluppato lesioni da sforzi ripetitivo usando un telefono troppo grande per le sue mani:

Le donne comprano più iPhone rispetto agli uomini, mi disorienta che Apple non progetti pensando ai nostri corpi. Dovremmo essere arrabbiate per questo, stiamo pagando denaro come gli uomini per un prodotto che non funziona altrettanto bene per noi.

Secondo la parlamentare laburista di Birmingham Yardley, Jess Phillips, “in tutto il design e lo sviluppo tecnologico lo standard predefinito è sempre quello che si addice a un uomo: le aziende devono migliorare nel riconoscere che la loro idea di normalità deve tenere conto di tutti i loro clienti”.

L’altra critica che le femministe hanno avanzato ad Apple è che avrebbe poche donne al vertice della società. 

Insomma, è polemica: chi avrà ragione? Le femministe o Apple?