La Juventus chiede 443 milioni di Euro al Tar

Per il tribunale di Napoli la maggior parte degli indagati per calciopoli sono stati tutti colpevoli, il capo della “cupola” sarebbe stato, sempre secondo i magistrati, Luciano Moggi, ai tempi dei fatti dirigente della Juventus insieme a Giraudo e Bettega.
La società Juventus per calciopoli ha dovuto riconquistare sul campo la possibilità di giocare nella massima serie, dopo un anno di Serie B è riuscita subito a risalire ma ora chiede alla FIGC un ingente risarcimento danni, a parer suo, per il danno ricevuto.
Il presidente della Juventus Andrea Agnelli ha presentato al Tar del Lazio una richiesta di risarcimento danni pari a 443 milioni di Euro, questa sarebbe la prima azione legale di sette preannunciata dal presidente bianconero a metà Agosto, il maxi risarcimento è stato quantificato dagli avvocati della società sommando i mancati introiti per i diritti televisivi, la svalutazione dei giocatori e la mancata partecipazione alle coppe europee.
La società Juventus tramite i propri avvocati chiede il commisariamento della FIGC che, tramite il suo presidente Giancarlo Abete dichiara di non voler commentare mantenendo la volontà del silenzio anche dopo la lettura della sentenza di calciopoli ma si lascia scappare un pò di stizza commentando inappropriato il momento della consegna della richiesta per il risarcimento danni.