Sta facendo discutere la partecipazione di Vladimir Luxuria al programma tv di Rai 3 “Alla lavagna!” durante il quale la showgirl, davanti a una classe di bambini dai 9 ai 12 anni, ha parlato della sua esperienza, del suo cambio di sesso. Durissima la reazione di Simone Pillon, vicepresidente della Lega in Commissione parlamentare per l’infanzia:

Inaccettabili queste lezioni gender a bambini. Luxuria racconti altrove le ‘favole dell’uccello’. Presenteremo un’interrogazione in commissione Vigilanza Rai. Si è trattato di una vergognosa forma di indottrinamento. Questo non può lasciarci indifferenti.

Questa la reazione del deputato Paolo Tiramani, capogruppo in vigilanza Rai:

Stiamo parlando di argomenti di una tale complessità che non possono essere trattati in maniera così leggera con piccoli ragazzi all’interno di un programma televisivo.

Immediata la replica di Luxuria

Salvini in una puntata precedente ha parlato di sovranismo, chiedo a Pillon voleva anche lui indottrinare i bambini o semplicemente ha espresso la sua opinione come ho fatto io con il bullismo? Fare un doppio senso sulla ‘favola dell’uccello in gabbia’, è irrispettoso nei confronti dei bambini ed è da chi è ossessionato dal sesso.

A difenderla solo il Sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega alle Pari Opportunità, Vincenzo Spadafora (M5s):

L’unica cosa che trovo a dir poco surreale è continuare ad avere atteggiamenti omofobi e culturalmente regrediti, che non tengono conto della realtà e del rispetto dei diritti di tutti. Penso che la Rai abbia fatto molto bene e che occasioni del genere vadano sostenute.