Saranno gli utenti della piattaforma Rousseau a decidere se il MoVimento parteciperà alle elezioni regionali in Emilia-Romagna e Calabria e in quale modo. Il capo politico Luigi Di Maio decide di affidarsi alla partecipazione del Movimento con un voto, oggi 21 novembre, che si aprirà alle 12 e chiuderà alla 20. E non sarà una decisione facile, anche perché il capo politico avverte gli iscritti sulle difficoltà di coniugare una campagna elettorale al momento di profonda “riflessione” che attraversa il Movimento 5 Stelle.

Il post che annuncia la nuova consultazione per le regionali è una chiamata alla responsabilità per tutti gli attivisti 5 stelle, tra le altre cose si legge:

“Abbiamo consultato le persone che portano dalla prima ora sulle spalle questo Movimento, e tutti concordano che serva un momento di riflessione, di standby. Ma decidiamo insieme. Partecipare alle elezioni richiede uno sforzo organizzativo, anche nazionale, e di concentrazione altissimo. Ciascuno di noi deve interrogarsi, con la massima responsabilità, sul contributo che sente di dare nei prossimi mesi, su dove sente più giusto che i suoi portavoce dirigano il proprio impegno. Deve chiedersi se pensa se siamo capaci, tutti insieme, in un grande lavoro di rete di condivisione e divisione degli incarichi, di essere utilmente presenti su diversi fronti. Qualsiasi cosa sceglieremo, la affronteremo come sempre con tutta la dedizione di cui siamo capaci”.

Cosa succederebbe se in Emilia-Romagna il Pd perdesse per quella manciata di punti che potrebbe portargli un M5S alleato? Quali risvolti avrebbe il governo? Il premier Conte sta riflettendo sui possibili scenari e la volontà pare sia quella di fortificare sempre di più l’alleanza di governo anche a livello territoriale. Il voto su Rousseau vuole essere un chiaro segnale di appoggio al capo politico e alla nuova strategia dei 5 stelle.