Si chiamava Frank Calì, il boss della famiglia criminale dei Gambino, ucciso in un agguato davanti alla sua residenza di Staten Island, a New York. È deceduto in ospedale a causa delle ferite riportate da alcuni colpi di arma da fuoco.

Il primo assassinio di mafia dopo 30 anni

Secondo i media americani, l’agguato sarebbe avvenuto alle 21 ora locale, ovvero alle 2 di notte in Italia. Calì sarebbe stato raggiunto da almeno sei colpi di arma da fuoco e poi sarebbe stato investito con l’auto dell’assassino – non ancora identificato – che avrebbe trovato persino il tempo di fuggire. Al momento la polizia non ha eseguito arresti ma il killer potrebbe avere le ore contate.

Subito dopo alcuni membri della sua famiglia sarebbero usciti in strada e sarebbero stati visti accanto al suo corpo. Piangevano disperatamente per la perdita del loro caro.

È il primo assassino di rilievo negli ambienti della criminalità organizzata di New York da oltre 30 anni.

Chi è Frank Calì

Frank Calì è noto per essere stato un membro della famiglia mafiosa italoamericano dei Gambino di New York insieme ai Genovese, Lucchese, Colombo e Bonanno. Calì avrebbe assunto la direzione dell’organizzazione nel 2015.

Nel 2008 aveva scontato 16 mesi di prigione con l’accusa di estorsione.