Il maltempo ha messo in ginocchio il Centro e il Sud Italia. La situazione più critiche si sono registrate in Lazio e in Sicilia: nel Catanese i dispersi erano tre, due ragazzi e una ragazza, tra i 21 e i 27 anni. La loro auto sarebbe stata travolta da un’ondata e così trascinata in mare nel porto di Santa Maria la Scala, vicino ad Acireale. Le ricerche sono in corso per il terzo disperso: gli altri due giovani sono stati recuperati. Rinvenuta anche l’auto.

In totale sono 3.500 gli interventi dei vigili del fuoco in tutta Italia, soprattutto in Lazio e Campania con treni in tilt tra Calabria e Sicilia (alcuni treni diretti a Roma e Milano hanno avuto ritardi fino a 13 ore) dove, tra l’altro, sono stati interrotti i collegamenti marittimi con alcune isole. Scuole e parchi rimangono chiusi a Napoli mentre a Roma il Colosseo e il Foro Romano sono tornati ad essere aperti dopo la chiusura disposta sabato pomeriggio a causa del forte vento.

A Bari un mercantile si è arenato a 200 metri da una spiaggia: avrebbe una falla dalla quale entrerebbe acqua. A Napoli, intanto, è morta una donna di 48 anni, una clochard che è deceduta la notte scorsa in uno dei giardinetti del Pio Monte della Misericordia, a Ischia. Si presume che sia morta per il freddo, per le condizioni proibitive di queste ore. Sul suo corpo verrà eseguita l’autopsia, potrebbe essere deceduta a seguito di una caduta provocata da un malore.