Secondo Luigi Bisignani, che lo ha dichiarato alla trasmissione di Rai Radio2 Un giorno da pecora, Marina Berlusconi si appresterebbe ad entrare in politica in una sorta di staffetta col padre, per ricostituire una nuova Forza Italia. Bisignani riferisce che in una cena ad Arcore, a cui lui dice di non aver partecipato, successiva alla condanna nel processo Ruby, Silvio Berlusconi, discutendo con i figli Piersilvio, Marina e Barbara e con l’avvocato e deputato Pdl Niccolò Ghedini, si sarebbe convinto che Marina (attuale presidente di Fininvest) sarebbe l’erede ideale per proseguire nell’avventura politica da lui cominciata. Al suo fianco ci sarebbe anche Alessandro Benetton. Alla domanda dei conduttori radiofonici su chi potrebbe votarla, Bisignani ha risposto: “Il popolo di Berlusconi che vuole votare Berlusconi ma che si rende conto che non può più votare Silvio, voterebbe Marina con grandissima gioia“.

Anche un’altra delle fedelissime berlusconiane, il sottosegretario alla Pubblica amministrazione Michaela Biancofiore ha ipotizzato una sfida contro Matteo Renzi: “Noi un Renzi, molto più serio, preparato e affidabile, lo abbiamo e si chiama Marina Berlusconi” – ha dichiarato all’Ansa.

Non è la prima volta che il nome di Marina (foto by InfoPhoto) viene indicato come erede politico del padre, ma in passato la voce è sempre stata smentita. E anche oggi è accaduta la stessa cosa. Marina Berlusconi ha dichiarato alla stampa che si tratta di un’indiscrezione priva di fondamento.