“Basta non mi stressate, mi è saltato pure Ferragosto”, questo l’audio choc che Rocco Casalino, portavoce di Palazzo Chigi, avrebbe girato a una decina di cronisti e che è stato riportato dal Giornale. Le parole di Casalino sarebbero state usate nei momenti successivi alla tragedia di Genova che ha sconvolto l’Italia alla vigilia di Ferragosto.

Il messaggio, infatti, risale al 17 agosto quando sono passati tre giorni dal crollo del ponte Morandi. I giornalisti, in quelle ore, contattavano Casalino per avere informazioni sulle prossime mosse del Governo. Lui, però, avrebbe risposto così con un messaggio vocale:

Basta, non mi stressate la vita. Io pure ho diritto a farmi magari un paio di giorni, che già mi è saltato Ferragosto, Santo Stefano, San Rocco e Santo Cristo. Mi chiamate come i pazzi, cioè, datevi una calmata [...] Chiamate una volta, poi se mai mi mandate un messaggio e se ho qualcosa da dirvi ve la dico.

Immediata la replica di Casalino:

Sento di dover chiedere scusa per l’effetto prodotto da un mio audio privato finito sui giornali. Nelle mie parole non c’è mai stata la volontà di offendere le vittime di Genova. Offende, invece, l’uso strumentale che alcuni giornali stanno facendo di questa tragedia.

“Crolla il Ponte di Genova e il portavoce del Governo pensa al ponte di Ferragosto? Ma dove siamo finiti con questo Casalino? Gli è saltato Ferragosto, poverino #RoccoVergogna” ha twittato Matteo Renzi. “Casalino, quello dei funerali di Stato trasformato in show, quello che rappresenta la comunicazione del M5s e della presidenza del consiglio, quando ancora si scavava tra le macerie a Genova, si preoccupava di non aver rovinato il Ferragosto. L’Italia non merita questo pagliaccio” ha aggiunto Davide Faraone.

“Non fatemi parlare di Casalino. Sono qui per risolvere i problemi non per parlare di nuovi” ha concluso il vicepremier e Ministro dell’Interno Matteo Salvini.