L’Italia assegna Lampedusa come porto sicuro alla nave Ocean Viking: la barca di Sos Mediterranee e Medici senza frontiere ha 82 migranti a bordo e sta raggiungendo il porto per completare il salvataggio di queste vite umane. Le autorità italiane hanno individuato in Lampedusa il ‘place of safety’ e ora si sta valutando ora se farla entrare direttamente in porto o fare il trasporto dei migranti su motovedette della Guardia Costiera. La nave, dopo aver ricevuto la comunicazione di porto aperto, è in navigazione verso l’Isola.

La decisione arriva dopo che il nuovo governo Conte 2 aveva parlato di una “sollecita soluzione” e di una disponibilità ad accogliere parte dei migranti in Italia. Fino ad ora, la Ocean Viking aveva continuato a fare su e giù a una trentina di miglia ad Est di Lampedusa, in acque sar maltesi, con la richiesta di un porto sicuro a Roma e a La Valletta che, fino ad oggi, erano cadute nel vuoto.

L’apertura volontaria dell’Italia verso la nave dell’Ong fa ipotizzare un radicale cambio di passo verso la politica migratoria di questo governo rispetto all’esperienza gialloverde con Salvini al Viminale.

Su Twitter Medici senza frontiere scrivevano poche ore fa: “Ci sono 82 persone che hanno subito enormi traumi, chiediamo una soluzione rapida per risparmiare loro altre inutili sofferenze. Sappiamo che i Governi #UE stanno cercando un accordo, ma intanto che si facciano sbarcare”. Ora la soddisfazione dell’Ong verso l’Italia che ha offerto un porto per lo sbarco.