Niente da fare per una donna e suo figlio di 7 anni che sono stati travolti dal fiume in piena, a seguito del maltempo che ha colpito la Calabria. Lei, Stefania, aveva 30 anni e si trovava in compagnia dei suoi figli mentre stava rientrando a casa, a Gizzeria, dopo aver fatto visita ai genitori del marito. Erano le 20 circa quando acqua e vento avevano fatto ingrossare il fiume Cantagalli nella zona di San Pietro Lametino, frazione di Lamezia Terme.

La donna ha provato a chiamare il marito Angelo, operatore turistico, per chiedergli aiuto. Poi, stando alle prime informazioni trapelate, potrebbe essere uscita dall’abitacolo coi figli tentando di raggiungere un posto che fosse sicuro per i piccoli. E, invece, sono stati travolti dalla violenza delle acque. I soccorritori hanno trovato i corpi della donna e del figlio di 7 anni mentre ancora nessuna notizia sull’altro bimbo, quello più piccolo che i vigili del fuoco stanno cercando senza sosta, sperando possa essere ancora vivo.

Intanto ingenti sono i danni causati dal maltempo in Calabria e in Sicilia. Nel Lametino straripati i fiumi Cantagalli e Angitola; danni nel Vibonese e nel Catanzarese dove è crollato il ponte delle Grazie. Paura anche in Sicilia, soprattutto a Catania, dove le strade sono diventate fiumi e gli automobilisti sono rimasti intrappolati nei propri mezzi.