Niccolò Bettarini, figlio dell’ex calciatore Stefano e della conduttrice televisiva Simona Ventura, è stato accoltellato poiché “figlio di”. Questa la ricostruzione del pm milanese, stando a quanto scrive il Corriere.it, secondo cui in quattro avrebbero tentato di uccidere il ragazzo all’uscita della discoteca poiché figlio di due personaggi dello spettacolo. Questa sarebbe stata la sua “colpa”. “Ti ho riconosciuto, sei il figlio di Bettarini, ti ammazziamo” urlava uno dei fermati.

Tra i presunti aggressori c’è un ragazzo di 24 anni, gestore di un bar nel quartiere Affori, frequentato da appartenenti a gruppi di estrema destra. Ma ci sono anche due albanesi, uno di 29 e l’altro di 24 e un italiano che girava con il coltello in tasca, almeno fino a poche settimane fa quando è stato sottoposto a sorveglianza speciale. I fermati, nel caso specifico, alcuni mesi fa avrebbero litigato per un tavolino occupato con un amico di Bettarini che, dopo averli incontrati, avrebbe chiesto scusa. Da lì è cominciato l’incubo.

Usciti fuori dal locale, i quattro (più altri sei non ancora identificati) hanno immediatamente aggredito il giovane fino a quando non è intervenuto lui, il figlio di Simona e Stefano, Niccolò Bettarini, che ha provato a difendere l’amico preso di mira e in evidente difficoltà. Così è iniziato il pestaggio: è stato colpito con “numerose testate, pugni, calci e con otto coltellate” sferrate probabilmente con una lama da 20 cm non ancora ritrovata. Niccolò poi è caduto a terra dove sarebbe stato “colpito con calci anche in faccia” mentre la fidanzata provava a proteggerlo. Anche lei, tra l’altro, sarebbe stata colpita ma per fortuna nulla di grave.