Le immagini di Notre-Dame in fiamme hanno fatto il giro del mondo. Un colpo al cuore di Parigi, una ferita per tutta Europa (e non solo). Ma c’è una notizia positiva: la Cattedrale è salva. In fumo la parte in legno, crollate la guglia e il tetto; tutte le opere sono state messe in sicurezza (risulta, tra l’altro, che siano state trasferite nella notte all’Hotel de Ville, la sede del come cittadino, e già oggi potrebbero essere portate al Louvre) grazie all’intervento dei pompieri che hanno lavorato tutta la notte, senza mai fermarsi, per domare l’incendio e per scongiurare il peggio.

Notre-Dame, fiamme da un’impalcatura

Le fiamme sarebbero partite da un’impalcatura: erano in corso alcuni lavori di restauro; adesso resta da capire come possa essersi propagato un incendio di tali proporzioni (e se, dunque, ci siano dei responsabili). Per questo motivo è stata aperta un’inchiesta per disastro colposo.

Notre-Dame, raccolta fondi per la ricostruzione

Intanto la ricca famiglia francese Pinault ha messo a disposizione 100 milioni di euro per la ricostruzione immediata della Cattedrale di Notre-Dame. Partita anche una raccolta fondi internazionale per aiutare il popolo francese a trovare immediatamente delle soluzioni per far portare Notre-Dame agli antichi splendori.