Il nuovo gioco mortale di Facebook ha un nome che, di fatto, è un’intera frase: “À l’eau ou au resto”. Che volendo tradurlo in italiano potrebbe suonare più o meno così: “O ti butti in acuì o mi offri una cena al ristorante”. Dunque, un altro gioco di sfide, corre su Facebook, il Social Network per eccellenza, e miete ancora delle vittime: questa volta è morta all’ospedale di Angers una donna di 29 anni, che si era precedentemente gettata in uno stagno a Chaumont-d’Anjou: la giovane avrebbe avuto un malore e non sarebbe più stata in grado di uscire da sola dall’acqua. All’esterno il fidanzato, che stava filmando il “tuffo” per postarlo poi su youtube.

Si tratta dell’evoluzione francese del Neknomination, altra mania di qualche mese fa che aveva fatto discutere e molto. Il funzionamento è simile: una volta “nominati”, bisogna accettare la sfida buttandosi nell’acqua, spesso molto fredda, di laghi e fiumi. Questo, però, ha causato la vittima che vi abbiamo già scritto. Secondo quanto riporta il francese SudOuest, una decina di giorni fa però a morire era stato un ragazzo di 19 anni, gettarosi con la bicicletta in un fiume di Morbihan.

LEGGI ANCHE

Staffetta alcolica Facebook: Neknominate, il social game che uccide

Staffetta alcolica Facebook: in coma etilico a 13 anni