La procura di Roma per l’omicidio di Luca Sacchi ha disposto le misure cautelari per 5 persone: coinvolta anche l’ex fidanzata Anastasia che avrà l’obbligo di presentarsi in caserma mentre per un ragazzo di 24 anni è stato disposto l’arresto. Sono queste le novità nelle indagini sulla morte di Luca Sacchi, il ragazzo di 24 anni ucciso nella notte tra il 23 e 24 ottobre davanti al John Cabot, pub in zona Appio di Roma.

I Carabinieri di Roma hanno notificato a Anastasia, fidanzata della vittima, il decreto che impone la misura dell’obbligo di presentazione in caserma. Per gli investigatori, la ragazza avrebbe tentato di acquistare un ingente quantitativo di sostanze stupefacenti. Nella conferenza stampa in Procura, i pm hanno dato altri dettagli delle indagini: nello zaino di Anastasiya c’erano 70mila euro in contanti, soldi che sarebbero serviti per comprare 15kg di droga.

La custodia cautelare in carcere, per concorso in omicidio pluriaggravato, rapina aggravata, detenzione illegale e porto in luogo pubblico di un’arma comune da sparo è arrivata per i due ragazzi già reclusi, fermati nei giorni successivi all’omicidio, e un terzo ragazzo 22enne considerato colui che materialmente li ha armati. Finisce in carcere anche un un 24enne accusato di aver tentato di acquistare, con Anastasia, un ingente quantitativo di sostanze stupefacenti dagli altri tre indagati.

La procura ha sottolineato anche che al momento “nessun elemento allo stato per dire che Luca Sacchi fosse coinvolto, partecipe o consapevole della compravendita di sostanza stupefacente”.