Il sindaco di Margherita di Savoia, un comune della provincia Bat (Barletta – Andria – Trani), ha emesso un’ordinanza che prevede multe fino a 500 euro per coloro che passeggiano in costume da bagno. Si tratta – queste le motivazioni del provvedimento che sta facendo discutere – di “un’azione a contrasto di fenomeni indecorosi e contrari a principi di sana educazione, buon costume e rispetto per gli altri”. Fino al 30 settembre, quindi, non si potrà passeggiare in bikini (per le donne) e a torso nudo (per gli uomini) al di fuori della spiaggia.

In realtà non è la prima volta che accade. Sono diversi i comuni che hanno adottato simili provvedimenti per evitare che i lungomari vengano affollati da gente in costume da bagno, in barba al decoro. Dalla Versilia alla Campania fino alla Puglia: previste multe salatissime. A Baia Domizia, frazione di Sessa Aurunca, nel Casertano, ad esempio, i trasgressori verranno puniti con multe che andranno dai 25 ai 500 euro. Il primo cittadino ha voluto frenare un comportamento ritenuto “contrario al decoro e alla decenza tipici del convivere civile”.

Insomma, bikini sì ma solo in spiaggia. Altrimenti una giornata di mare rischia di trasformarsi in un incubo con una multa di 500 euro da dover pagare il prima possibile.