Oggi la difesa di Silvio Berlusconi pronuncia l’arringa nel processo Ruby, che vede imputato l’ex presidente del Consiglio per concussione e prostituzione minorile, reati per i quali l’accusa guidata da Ilda Boccassini ha chiesto una condanna a sei anni di reclusione oltre all’interdizione perpetua dai pubblici uffici. La difesa ha chiesto di acquisire agli atti i verbali delle dichiarazioni rese in aula da Ruby nel processo ad Emilio Fede, Nicole Minetti e Lele Mora.

Sulla concussione Niccolò Ghedini, il legale che insieme a Piero Longo difende Berlusconi, ha dichiarato in aula che “Per noi la soluzione deve essere l’assoluzione perché il fatto non sussiste. Secondo la procura l’allora presidente del Consiglio avrebbe abusato della sua qualità di pubblico ufficiale per sottrarre Ruby all’autorità. Non si riesce a capire da quale autorità, dal momento che Ruby non doveva essere arrestata né portata in carcere. Non sempre le azioni compiute da un pubblico ufficiale possono essere considerate reati contro la pubblica amministrazione. Possono essere anche azioni umane non correlate da alcuna malizia”.

Sull’accusa di prostituzione minorile Ghedini ha detto: “Tutte le testimoni negano di aver avuto rapporti sessuali con Berlusconi“. Sull’attendibilità delle testimoni della difesa, contestata dall’accusa perché hanno ricevuto denaro da Berlusconi, Ghedini ha aggiunto: “Secondo la Procura di Milano, sono solo sei i testimoni affidabili. Tutti i testimoni che non concordano con l’ipotesi accusatoria non sono attendibili. Tutti questi testi erano aiutati economicamente dal dottor Berlusconi prima della vicenda processuale. Si è trattato di un aiuto dato in continuità e non legato al caso Ruby”.

Il legale di Berlusconi ha definito la richiesta di condanna da parte della Procura “Stratosferica e straordinaria“. E ha aperto l’arringa dicendo: “Nel corso di questo processo ho avuto l’impressione di ingenerare un certo qual fastidio nei confronti dei giudicanti. Analogo fastidio non sembra ingenerare la Procura della Repubblica”.

Qui sotto un video con un passo dell’arringa di Niccolò Ghedini