È tutto pronto per Quota 100. L’Inps ha dato il via al meccanismo che d’ora in poi consentirà a tutti gli interessati di presentare le domande per poter andare in pensione prima rispetto alle precedenti norme e soprattutto alla famigerata riforma Fornero. La domanda potrà essere presentata sia tramite pc – qualora siate in possesso del pin – oppure tramite call center, patronati o altri soggetti “abilitati all’intermediazione delle istanze di servizio”.

Sulla Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il decreto che “disciplina l’accesso al trattamento di pensione con almeno 62 anni di età e 38 di contributi e che, dunque, “fissa il requisito contributivo per conseguire il diritto alla pensione anticipata a 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne, per il periodo 2019-2016″.

Quota 100, come fare richiesta telematica

Il cittadino – che sia in possesso delle credenziali d’accesso, quindi Pin, Spid o Carta nazionale dei servizi - potrà compilare la domanda sul sito ufficiale dell’Inps alla sezione “Domanda Pensione, Ricostituzione, Ratei, ECOCERT, APE Sociale e Beneficio precoci”. Poi bisognerà cliccare “Nuova domanda” nel menù di sinistra. A seguire selezionare” quota 100″ > pensione di anzianità-vecchiaia > pensione di anzianità/anticipata > requisito quota 100.

Per la pensione anticipata: pensione di anzianità/vecchiaia > pensione di anzianità/anticipata > ordinaria. Per la pensione anticipata ‘opzione donna’: pensione di anzianità/vecchiaia > pensione di anzianità/anticipata> contributo sperimentale lavoratrici.

Le domande possono presentate anche “per il tramite dei patronati e degli altri soggetti abilitati alla intermediazione delle istanze di servizio all’Inps o, in alternativa, può essere presentata utilizzando i servizi del Contact center” ai numeri 803164 (gratuito da telefono fisso) o 06164164 (con tariffe da mobile).

SPECIALE LEONARDO.IT – REQUISITI QUOTA 100