Oltre al reddito di cittadinanza, il Governo M5s-Lega ha dato il via libera a “Quota 100″, fortemente voluta dal vicepremier e Ministro dell’Interno Matteo Salvini. Quest’ultimo l’ha dedicata a Monti e alla Fornero “la signora piangente che ha fatto piangere milioni di italiani”. In cosa consiste “Quota 100″ e quante persone manderà in pensione?

Quota 100, 1 milione di pensionati

Saranno 1 milione i pensionati che potranno andare in pensione con “Quota 100″ grazie a un investimento complessivo di 22 miliardi di euro. L’obiettivo è incentivare l’assunzione di giovani e consentire ai più anziani di godersi la vita serenamente, lontani dallo stress lavorativo.

Quota 100, requisiti

- 62 anni di età;

- 38 anni di versamenti, senza penalizzazione.

E c’è di più: stop agli scatti d’età; istituito un Fondo bilaterale per il ricambio generazionale. In cosa consiste? Sarà possibile andare in pensione tre anni prima di “Quota 100″ a patto che ci sia un’assunzione.

Quota 100, quando si va in pensione

Maturati i requisiti, si potrà andare in pensione dopo tre mesi. Infine grande novità per il TFR degli statali che potranno avere un anticipo immediato fino a 30mila euro. L’obiettivo del Governo è arrivare a 45mila euro.

Quota 100 era uno dei cavalli di battaglia della Lega di Matteo Salvini mentre il reddito di cittadinanza del Movimento Cinque Stelle.

REDDITO DI CITTADINANZA – REQUISITI E COME RICHIEDERLO